martedì 17 giugno 2014

LA PRIMA PIETRA DI CASA TABANELLI

I termini "sogno" - diventato questa volta realtà – e "orgoglio" che riempie i nostri cuori, sono stati rievocati, a più riprese, dai numerosi oratori, nella Conferenza stampa, svoltasi nella sede dell'impresa edile Mulazzani G&G Spa che realizzerà la costruzione a costi del tutto agevolati, indetta dai Lions Club Pesaro Host, Pesaro Della Rovere e Gabicce Mare, in occasione della posa della prima pietra del "Centro di pronta accoglienza per adulti e per attività sociali.
Casa Tabanelli di Pesaro". Ideato e coordinato dal socio Giorgio Ricci questo service, di cui responsabile è il past governatore Gianfranco Buscarini - entrambi appartenenti al Sodalizio Pesaro Host - è stato subito accettato e sostenuto dai tre Club promotori citati, quindi, avallato da tutti gli altri 84 Club del Distretto. Presenti autorità lionistiche e civili, fra cui il sindaco uscente Luca Ceriscioli ed il presidente del Consiglio comunale Ilaro Barbanti, riferiamo di un paio di interventi.

La prima pietra di "Casa Tabanelli" che finanziata dai Lions Club di Pesaro ospiterà persone con disagio abitativo o senza fissa dimora.
Il presidente del Lions Club Pesaro Host Massimo Quaresima ha posto l'accento su questa giornata speciale, attesa con ardenza, anche se quotidianamente si è protesi nell'impegno di aiutare il prossimo, sull’ "orgoglio" di quest'iniziativa dai connotati utopici ed ha rivolto i doverosi ringraziamenti a quanti si sono adoperati, soci, Istituzioni, Enti, cittadini per raggiungere questa straordinaria realizzazione. Un encomio particolare per la generosità del mecenate dott. Eros Tabanelli - donati € 200.000,00 -, la struttura sarà, infatti, dedicata alla memoria dei suoi genitori. Il governatore del Distretto 108 A, nel concludere gli interventi, ha ribadito la propria gratificazione e l’ "orgoglio" di una giornata come questa e di tante altre, l'ultima delle quali è stata quella di Cervia, di tutti gli oltre 3500 soci di questo Distretto, di portare questo distintivo e di far parte di quest’Associazione.

Tante le manifestazioni organizzate dai Club con l'intento, con l'unico scopo di raccogliere fondi per questo service, a dimostrazione di un'unitarietà distrettuale. C'è stata passione, determinazione e pure ambizione per raggiungere tale fine. Ha sottolineato il valido concetto della psicologa Valentina Gori che ha enfatizzato l'importanza del recupero sociale e lavorativo di questi soggetti senza casa, che hanno perduto i loro rapporti relazionali. Ha, quindi, invitato i presenti a trasferirsi nel luogo in tutte prossimità, in via Grande Torino, ove avverrà questa "sognata" edificazione, per assistere alla benedizione della posa della prima pietra. L'imprenditore Mulazzani ha donato ai partecipanti la pubblicazione "Talacchio", paese da cui proviene.



Posta un commento