mercoledì 10 ottobre 2012

INIZIANDO DALLA FINE...


In anteprima, solo per i lettori di questo blog, ecco a voi la conclusione del mio nuovo libro...vi chiederete perchè proprio la conclusione? Il motivo è semplice in essa troverete il senso profondo di ciò che ho scritto, ma che adesso non posso pubblicare finchè non uscirà il libro vero e proprio...

martedì 25 settembre 2012

venerdì 21 settembre 2012

SULLA MORTE DI EMANUELE SMACCHIA

Pochi giorni fa ad Acqualagna una madre ha scoperto in cucina il cadavere di suo figlio ormai privo di vita. Aveva 23 anni, un ragazzo come me. Morto per overdose. E’ semplicemente assurdo. Appena ho letto la notizia sui giornali sono rimasto sconvolto, anzi dentro di me sentivo più che altro rabbia. Non è possibile che la sua vita sia finita in quel modo...

sabato 18 agosto 2012

SARAJEVO 1992

 
Circa vent’anni fa nella sponda Adriatica opposta alla nostra scoppiava l’inferno. Cominciava la dissoluzione della Repubblica Federativa di Iugoslavia. Dopo la secessione della Slovenia e i primi grandi scontri in Croazia, la guerra più atroce si scatenò in Bosnia Erzegovina. Iniziò il 6 aprile 1992 e causò più di novantamila morti.

venerdì 17 agosto 2012

UNA MASCHERA DI SANGUE

    
Conosco Irina da alcuni mesi e sono un testimone oculare della sua brutale trasformazione. Ricordo che la prima volta in cui la vidi ero comodamente seduto in un bar, intento a gustarmi un caffé amaro e a leggere le righe troppo fitte del quotidiano più stimato di Basùra.

LA MENSA DEL POVERO

 
I bassifondi di Basùra sono luoghi in cui puoi vivere soltanto se accetti come prima regola l’imprevisto e se hai una scorza abbastanza dura da accettare di toccare il fondo. Io che vengo dal mondo-bene non potrò mai capire totalmente il significato di questa bella teoria preconfezionata, ma iniziando questo viaggio mi sono posto l’obiettivo di provarci. Per questo oggi mi addentrerò in una delle bellezze tipiche di Basùra: la mensa del povero. E ci entrerò da povero.

QUANDO I CLANDESTINI ERAVAMO NOI

   
C’è un mio amico avvocato che per una vita si è preso cura non solo di storie che vengono dal basso, come le nostre di Basùra, ma anche di molto peggio: alcune delle sue storie partivano o erano tremendamente dirette all’inferno o giù di lì.Per anni è stato direttore di un carcere di massima sicurezza.

SHEILA

   
Finalmente sta tornando la primavera e con essa la voglia di uscire di casa. Uno dei luoghi che più amo di Basùra è il mare. Per descriverne la bellezza ci vorrebbero alcune decine di libri. Un quadro al giorno. Bisognerebbe dedicargli delle canzoni. Poesie. Mi piace fargli visita ogni tanto, mi fa dimenticare tutto il resto.

LA CURDA

   
Adilè è una donna di etnia curda. La sua è una terra divisa tra Turchia, Iran e Iraq, con enclave in Siria, ma il fatto di essere ricchissima di prodotti naturali, tra cui il mitico petrolio, le ha gettato addosso un mucchio di guai. L’ha resa vittima di ingiustizie e violenze indicibili.

giovedì 16 agosto 2012

LA COPPIA PIU’ BELLA DEL MONDO

   
Josè è come il vento. Un giorno ha deciso di volare e di liberarsi da tutte le catene che lo legavano a terra. Ha sposato Nuestra Señora de la Libertad. Ha scelto di essere libero e ne pagherà il prezzo.

mercoledì 15 agosto 2012

L’OMICIDA

   
Ci sono storie che mi mettono paura. Mentre le ascolto mi vengono i brividi lungo la schiena e una sorta di solletico dentro gli occhi. Per non piangere devo guardare da un’altra parte, lontano da quello sguardo. Non so come, ma mi viene da entrare dentro le persone: nelle scarpe in fuga dalla Polizia, nelle mani che hanno rubato e malmenato, nei panni sudici e fradici, nelle cicatrici della pelle.

I MAGNIFICI 5

   
Li osservo avanzare dalla parte opposta del tunnel. Sembrano dei supereroi. Il vento scuote leggero i loro capelli e gli zaini gonfi sulla schiena gli danno un’aria davvero imponente, quasi minacciosa. Il sole sta calando dietro le loro spalle e cinque lunghe ombre si distendono in avanti per diversi metri, ormai mi raggiungono.

PRISTINE

 
La casa di Pristine è situata nella zona mare di Basùra. Avendola incontrata un giorno per strada nel corso di uno dei miei pellegrinaggi in città le avevo chiesto se potevo passare a trovarla, così eccomi in via Allende 46. Pristine è una ragazza davvero molto bella, porta con sé il profumo e il mistero della sua amata Africa.

UNA CITAZIONE

 
Nel suo “Mondo piccolo” Giovannino Guareschi scriveva che “…gli uomini sono delle disgraziate creature condannate al progresso, il quale progresso porta irrimediabilmente a sostituire il vecchio Padreterno con le nuovissime formule chimiche. E così, alla fine, il vecchio Padreterno si secca, sposta di un decimo di millimetro l’ultima falange del mignolo della mano sinistra e tutto il mondo va all’aria.”

L’ANARCHICO

   
Finalmente il giudice mi ha dato il permesso di far visita al carcere di Basùra. Lo aspettavo da settimane. Fino a oggi una prigione vera l’avevo soltanto immaginata e ogni volta che ci passavo davanti la vedevo come un enorme blocco di cemento che conteneva persone cattive.

IL MAGOBBUONO

   
Mi trovo nei presi della stazione ferroviaria e vedo da lontano la sagoma del Magobbuòno. Avanza zigzagando in sella a una vecchia bicicletta arrugginita. Assomiglia a una enorme sfera con annessa pancia da Babbo Natale. Indossa una maglietta bianca di cotone che puzza da cani e quattro strati di giubbotti rigorosamente aperti sul davanti che sbattono al ritmo del vento.

LA MALATTIA

   
Cammino con le mani in tasca e tanti pensieri inutili che accompagnano i miei passi. Cerco di catturare qualche immagine curiosa per poi rielaborarla e giocare a inventare storie. La città però mi deconcentra: aria pesante, velocità schizofreniche, volti concentrati, distratti, distanti o persi.

MOHAMED

 
E’ inverno e fa un freddo cane. La città si muove piuttosto lenta e il grigio di fuori invade tutto, coprendo le cose di tristezza. Strade, alberi, edifici, cielo. Anche le persone sembrano molto più tristi. Come se non bastasse oggi ci si è messa pure la pioggia, sottile e tagliente.

domenica 1 gennaio 2012

INTRO (libro)

   
    Questo piccolo libro non vuole insegnare niente a nessuno. Non è un elenco di ricette per sanare i mali della società. Dentro queste pagine non troverai né miti né eroi. Quello che stai per fare è un viaggio nei bassifondi della tua città, dove vivono persone speciali. Uomini e donne come te che per ragioni diverse dormono per strada o in roulotte, si umiliano a chiedere l’elemosina fuori dai supermercati, sono prigionieri di droghe o alcol, soffrono la fame. Eppure come te, come noi, fanno parte dell’epoca della modernità, delle innovazioni tecnologiche, del benessere.
    La cosa più facile è sempre quella di etichettarli con nomignoli e frasi fatte e passargli accanto così, facendo finta di nulla, semplicemente schivandoli.
    La cosa più difficile è ascoltarli, fare lo sforzo di entrare nelle loro vite, guardarli dritti negli occhi, capire perché, i tanti perché...