mercoledì 4 giugno 2014

ACCOLTELLATO SUL LUNGOFOGLIA

Lo hanno rintracciato circa un’ora dopo il fatto: quando aveva ferito l’amico con una coltellata all’addome, dopo una violenta lite per strada, e se ne stava tornando a casa, poco distante. I carabinieri del Nucleo radiomobile, che collaboravano con la Volante della polizia intervenuta sul posto dell’aggressione, lo hanno arrestato per tentato omicidio e rinchiuso nel carcere di Villa Fastiggi.
E’ un pesarese di 41 anni, invalido e pensionato, già conosciuto alle forze dell’ordine che sapevano, perciò, dove andarlo a cercare. A fare il suo nome agli investigatori sono stati sia i testimoni sia la vittima, Domenico Abbinante, quarantenne di origine pugliese, senza fissa dimora, che abita in una roulotte sul Lunfoglia. Il ferito è stato ricoverato al San Salvatore, i medici non hanno ancora sciolto la prognosi ma non è in pericolo di vita. Ancora da chiarire come e perchè sia maturata l’aggressione: qualcosa di più si potrà sapere dopo l’interrogatorio dell’arrestato (oggi ci sarà l’udienza di convalida) e dopo che polizia e carabinieri avranno completato le indagini raccogliendo ulteriori testimonianze.
Al momento, di certo, c’è che domenica sera dopo le 21, a Soria, all’incrocio tra il Lungofoglia e via Donzelli, è scoppiata una violenta lite tra i due amici. Sembra che avessero bevuto o comunque fossero in stato alterato: anche su questo sono in corso accertamenti, come pure sul particolare delle armi. Alcuni passanti hanno detto che entrambi avevano un coltello, ma non sono stati trovati elementi certi. Una terza persona ha cercato di dividerli, senza riuscirci. Diversi automobilisti, notando la scena, hanno chiamato il 112 e il 113. Uno di questi, tornando indietro, ha visto una giovane donna, amica del ferito, lungo la strada che chiedeva aiuto. Il pugliese, dopo avere ricevuto la coltellata a un fianco, era riuscito a trascinarsi da lei per essere soccorso, mentre il pesarese (che abita in un appartamento nelle vicinanze, con la famiglia) era scappato a casa.

Pubblicato ne "Il Messaggero.it"
Posta un commento