mercoledì 12 febbraio 2014

MULTATO SENZATETTO: DORMIVA IN STAZIONE

La Polfer: "multa giusta". Caritas "E' assurdo"
Nel paese dei divieti e degli escamotage per infrangerli succede anche questo. Che un senzatetto venga multato perchè dormiva in stazione.  E' successo a Lecce, dove la Polfer è al centro di mille polemiche per "essersela presa" con un clochard che - non avendo un posto dove passare la notte - aveva deciso di  andare in stazione, nonostante gli agenti della polizia ferroviaria gli avessero già intimato di andarsene...
La polemica è diventata ancora più rovente perchè già poche settimane fa due senzatetto erano morti all'interno di un edificio fatiscente che avevano scelto come riparo di fortuna. E' insorto anche il direttore della Caritas locale, don Attilio Mesagne, secondo cui no c'è spiegazione che tenga da parte della Polfer: è assurdo e disdicevole multare una persona che non ha soldi neppure per comprarsi un tozzo di pane. La sanzione è inappropriata e inutile, dal momento che colpisce una persona che non potrà pagare la multa visto che non ha nemmeno i soldi per comprarsi da mangiare.

LA DIFESA DELLA POLFER
Dopo le proteste della Caritas di Lecce per la multa inflitta al senzatettoi vertici pugliesi della Polizia ferroviaria difendono l'operato degli agenti leccesi. Il dirigente del Compartimento della Polizia ferroviaria di Bari, Giovanni Aliquo', spiega che il comportamento dei poliziotti "e' stato irreprensibile" in quanto il clochard multato era stato una prima volta invitato ad uscire dalla stazione in quanto sorpreso senza un biglietto. La multa e' scattata al secondo controllo.

Giovanni Aliquo' replica affermando la correttezza del comportamento degli agenti ed evidenziando come la Polfer sia, invece, impegnata nel controllo dell'ordine e della sicurezza pubblica nelle stazioni ferroviarie dove il problema della presenza dei clochard viene trattato con la prudenza e l'attenzione del caso. Aliquo' fa anche riferimento al protocollo firmato a Bari teso alla corretta gestione di tale problematica in sinergia con le istituzioni locali.
Posta un commento