venerdì 13 dicembre 2013

PUK, AMICO DEI BAMBINI

PESARO – La mascotte della rassegna di teatro per bambini “Andar per fiabe” PUK, ideata e realizzata in legno dalla ditta Francesco Bartolucci, allarga le sue braccia ai bambini poveri che vivono accanto a noi. L’appello lanciato nei giorni scorsi dal direttore della Caritas diocesana, don Marco Di Giorgio a sostenere il progetto “Abbraccia un bambino, adozioni vicine” (curato dall’associazione onlus “I bambini di Simone” per far fronte a situazioni di povertà estrema di famiglie del nostro territorio), è stato subito raccolto dalla ditta Francesco Bartolucci di Belvedere Fogliense, nota in tutto il mondo per i suoi Pinocchi in legno e le tante altre creature da fiaba.


Così, in accordo con gli enti promotori della rassegna (Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro e Amat, in collaborazione con Regione Marche e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro), la mascotte PUK (acronomo di Pesaro e Urbino Kids), verrà venduta in tutti i foyer dei teatri coinvolti nella rassegna “Andar per fiabe”, i negozi Bartolucci, la libreria Le foglie d’oro di Pesaro e In.PU.t e il ricavato devoluto all’associazione onlus “I bambini di Simone” che in collaborazione con la Caritas diocesana sta portando avanti il bel progetto “Abbraccia un bambino, adozioni vicine”.
Sono tante le famiglie con bambini che vivono in situazioni di povertà anche nel territorio provinciale.
Il presidente Matteo Ricci oggi in conferenza stampa afferma felice “E’ sicuramente fattore di orgoglio assistere alla nascita di questo progetto e vedere come la sinergia tra forze differenti porti del bene, anche a chi è meno fortunato”. D’accordo anche Gilberto Santini, direttore di Amat che aggiunge “Il teatro fa bene, non solo all’animo ma anche con azioni reali verso chi ne ha davvero bisogno”. Davide Rossi, vicepresidente sottolinea “questa iniziativa dimostra come con la cultura sia possibile dare un contributo tangibile anche a realtà apparentemente distanti: è davvero una grande gioia poter assistere a questo tipo di progetti”.
Le “adozioni vicine” consentiranno di dare un sostegno economico ma anche una vicinanza di affetto a questi bambini. “Sono sempre più numerose le famiglie che hanno bisogno di aiuto, la soddisfazione più grande è vedere le facce dei genitori quando ricevono, grazie alla bontà di altre persone, un piccolo, ma preziosissimo contributo per i loro bambini” racconta Matteo Donati di Caritas.
L’associazione onlus “I bambini di Simone”, presieduta da Paola Ricciotti, è stata costituita nel 2010 da un gruppo di volontari che già da cinque anni condivideva progetti di solidarietà verso bambini in stato di indigenza e le loro famiglie. “Il nostro progetto, portato avanti insieme a Caritas, ringrazia la Provincia, Amat e la ditta Bartolucci, perché a prescindere dai risultati economici che si raggiungeranno, questa è la prova che insieme un cambiamento è possibile e la collaborazione porta sempre una crescita”.
Dopo aver avviato iniziative in vari paesi del mondo (fornendo aiuti concreti a bambini in orfanotrofi, donando computer per facilitare l’istruzione scolastica, arredando aule didattiche, acquistando macchine per la lavorazione del pane, pompe per l’estrazione dell’acqua e dando vita ad “adozioni a distanza”), l’associazione ha previsto nel proprio statuto di svolgere principalmente le proprie attività a favore del territorio, nelle città di Pesaro e Fano, vista la presenza di situazioni di difficoltà che si sono aggravate dopo la crisi.
Tutti possono partecipare al progetto “Abbraccia un bambino, adozioni vicine”, acquistando PUK o dando il proprio contributo nelle varie forme previste dall’associazione, a cominciare da questa domenica 15 dicembre, alle ore 17 presso il Teatro Sperimentale con lo spettacolo di Andar per Fiabe, La Gatta Cenerentola.

Per ulteriori informazioni: www.ibambinidisimone.it
Posta un commento